www.contattologiamedica.eu

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Cheratocono CROSS-LINKING nel cheratocono

CROSS-LINKING nel cheratocono

Rinforzo corneale mediante intreccio delle fibre di collagene stromale

(aggiornamento 2010)

A cura del Dott. Manganotti Alberto


Le terapie del cheratocono

Fino ad oggi non mai esistito un vero e proprio trattamento del cheratocono, ma si cercato di ridurre le sue conseguenze sulla visione correggendo, prima con occhiali, poi con le lenti a contatto, o eventualmente impiantando anellini intracorneali, lastigmatismo indotto dalla malattia. Lunica vera terapia era il trapianto di cornea ancora indicato nelle fasi terminali della malattia.

Negli ultimi anni stato sviluppato un vero e proprio trattamento del cheratocono basato su un metodo di rinforzo della struttura intermedia della cornea, lo stoma, affetta da cheratocono ottenuto con un consolidamento dei legami tra le fibre che la compongono. Il metodo di rinforzo corneale mediante intreccio di queste fibre di collagene noto come cross-linking corneale. Gli studi condotti sulluomo, dimostrano che questo trattamento in grado di bloccare levoluzione del cheratocono nella stragrande dei casi. Secondo molte pubblicazioni, e anche secondo lesperienza di chi scrive, il trattamento, frequentemente, produce anche un miglioramento della malattia riscontrabile sia allesame alla topografia corneale che alla valutazione delle vista con occhiale.

Purtroppo non possiamo sapere prima chi avr questo miglioramento. Attualmente si stima che siano stati eseguiti oltre 30 mila trattamenti in tutto il mondo anche se nella maggior parte solo dal 2008.


Scopo del trattamento

Questo nuovo ed unico metodo di trattamento del cheratocono si pone come obiettivo quello di ritardare levoluzione del processo patologico in atto. Nel caso la malattia ricominciasse a progredire, il trattamento si potr ripetere.


Tecnica del trattamento

La tecnica del cross-linking prevede listillazione di un collirio a base di vitamina B2, o riboflavina, che serve a proteggere i tessuti oculari interni (endotelio corneale, cristallino e retina) dalle radiazioni ultraviolette. Per consentire alla riboflavina di penetrare necessaria lasportazione meccanica dellepitelio corneale dopo listillazione di qualche goccia di collirio anestetico locale.

Successivamente alla rimozione dellepitelio corneale e alla applicazione ripetuta della riboflavina in collirio, la cornea viene sottoposta ad una irradiazione a basso dosaggio con raggi ultravioletti di tipo A (UVA) che permettere il rinforzo delle fibra collagene. Il trattamento dura 45 minuti; al termine locchio viene medicato con colliri e chiuso o con benda e una lente a contatto terapeutica per uno o due giorni.


Decorso postoperatorio

Il bendaggio e la lente a contatto terapeutica servono a consentire la riformazione dellepitelio corneale asportato durante lintervento. Fino a quando lepitelio corneale non si sar perfettamente riformato (in genere un paio di giorni) potr essere presente una visione annebbiata ed una sintomatologia caratterizzata da dolore, fotofobia e sensazione di corpo estraneo che potr essere controllata anche con lassunzione di antidolorifici per bocca.


Il cross-linking trans-epiteliale

Recentemente stata introdotta una tecnica che non necessita di asportazione dellepitelio corneale, non produce quindi dolore e non necessita di bendaggio. Attualmente sappiamo che il trattamento agisce solamente negli strati superficiali e non sappiamo, se nel tempo sar altrettanto

efficace nel tempo rispetto al trattamento tradizionale. I primi trattamenti risalgono alla primavera del 2009.


Nei pazienti portatori di LAC per cheratocono

Nel giro di alcuni giorni o al massimo qualche settimana, i pazienti che portavano le LAC possono tornare ad indossarle anche se, la visione limpida come prima del trattamento, potrebbe ripristinarsi anche dopo alcuni mesi a causa dei processi cicatriziali. Se la cornea ha subito un notevole cambiamento di forma (per altro auspicabile in quanto indice di miglioramento) potrebbe rendersi necessario riprogettare la LAC. Quasi sempre necessario un nuovo paio di occhiali.


Complicanze

Dagli studi sperimentali effettuati si potuto constatare che questo trattamento produce molto raramente effetti collaterali a carico di altre strutture oculari (endotelio corneale, cristallino, retina) e non porta alla formazione di cicatrici significative. Lunico effetto collaterale riscontrato un ritardo di riepitelizzazione della cornea in relazione ad una variabilit biologica individuale non prevedibile. In questo caso la sintomatologia dolorosa si potr per pi tempo.


Risultati ottenibili e per quanto tempo

Grazie allazione rinforzo corneale mediante cross-linking, la cornea sar pi resistente al tentativo di sfiancamento caratteristico del cheratocono. In un certo numero di casi oltre al rallentamento dello sfiancamento, tale trattamento si dimostrato in grado di ridurre lastigmatismo presente prima dellintervento migliorando la visione naturale e quella con gli occhiali. Non sappiamo con certezza quanto questo effetto potr durare, in quanto questa tecnica viene eseguita (anche sperimentalmente) da non pi di 9 anni. Alcuni studi recenti dimostrano che la struttura dello stroma corneale, dopo anche anni dal trattamento, presenta dei segni biologici molto pi simili a quelli di una cornea normale rispetto a quella di un soggetto con cheratocono, e anhe a distanza di alcuni anni si notano miglioramenti della malattia. Comunque il trattamento potr essere successivamente ripetuto.

 

SOIbanner

EIKONbanner


Login

CALENDARIO EVENTI

NOEVENTS

News